martedì 07 dicembre 2010

ASSEGNATI I PREMI DELL'VIII EDIZIONE

 

Roma, 1° dicembre 2010 – Secondo i dati elaborati dall’Osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione, in Italia 7 grandi aziende su 10 si impegnano nella responsabilità sociale, con un  flusso di investimenti che ha sfiorato 1 miliardo di euro nell’ultimo anno; il volontariato coinvolge almeno 5 milioni di persone; l’impresa sociale impiega oltre 300 mila persone; 45 atenei propongono nei loro percorsi formativi corsi o seminari che riconducono al tema dell’etica nella società.

 

Una fotografia che spiega perché, in un mondo che cambia così velocemente, negli ultimi otto anni 500 giovani talenti in cerca di lavoro hanno risposto al bando di concorso del Premio Socialis, l’unico riconoscimento italiano riservato alle migliori tesi di laurea dedicate a responsabilità sociale d’impresa, solidarietà, ambiente, cultura, sviluppo sostenibile, non profit, promozione del capitale umano, giunto all’VIII edizione.

 

 “Questi dati evidenziano la richiesta di un’economia più giusta da parte di tutti - ha spiegato Roberto Orsi, Direttore dell’Osservatorio Socialis e organizzatore della manifestazione -. I cittadini chiedono più attenzione all’ambiente, i consumatori esigono prodotti più sani e sostenibili, le imprese devono organizzare il lavoro in maniera più responsabile, le istituzioni devono partecipare allo sviluppo di una società più attenta alle persone”.

La cerimonia di premiazione si è svolta a Roma, presso l’Aula del Consiglio della Camera di Commercio, dove sono stati proclamati i vincitori che si aggiudicano la possibilità di effettuare uno stage formativo presso alcuni dei sostenitori del progetto, Barilla, British American Tobacco Italia, Merck Serono, Novartis, Novo Nordisk, Obiettivo Lavoro, Cipsi e Lega del Filo d’Oro.

 Sono stati premiati: Micol Bertoni (Il cittadino lobbista. Quando la democrazia diventa sostenibile. Il caso de l'Observatorio RSC di Madrid),  Facoltà di Scienze della Comunicazione – La Sapienza di Roma; Sara Cattalani  (L'impatto del commercio equo e solidale sui prodotti dei Paesi in via di sviluppo. Il caso africano), Facoltà di Economia – Università di Urbino; Luigi Cioffi  (Etica, filantropia ed economia di comunione per la competitività nel III millennio), Facoltà di Scienze Manageriali, Università di Chieti e Pescara; Beatrice Traspedini  (“Sento il rumore del mondo che si rompe”. Padiglione montabile-smontabile per bambini autistici, Facoltà di Architettura , Università di Genova.

Al termine dell’incontro sono state rese note le iniziative programmate dall’Osservatorio Socialis nell’arco del 2011, Anno Europeo del Volontariato e decennale della pubblicazione del Libro Verde della Comunità Europea dedicato alla CSR, tra le quali un tour nelle Università, il nuovo rapporto sull’impegno sociale delle aziende in Italia, l’avvio della ricognizione per la produzione di un bollino di qualità delle iniziative nel sociale.